Recent Posts

sabato 31 dicembre 2016

Doni di Natale: qualche volta sono io ad aprire i pacchetti

Di solito creo, impacchetto, spedisco; qualcuno riceve, apre, scarta e si sorprende. Ogni tanto però anche io sono "dall'altra parte" e apro i pacchetti.. 😀
Ecco qualcuno dei regali che ho ricevuto quest'anno 😊 tu cos'hai trovato nei tuoi pacchettini? 🎁


domenica 25 dicembre 2016

Oggetti semplici, non semplici oggetti. Buon Natale.

Alcuni dei regali che ho realizzato per i miei familiari. E' una gioia scegliere con cura secondo ciò che piacerà o servirà al destinatario, preparare il materiale, creare e confezionare i doni. Un processo che è veramente segno di amore, di affetto, di cura. Sono oggetti semplici, ma non semplici oggetti.
Auguri  ðŸŽ„ 


sabato 24 dicembre 2016

Stocking stuffers: regali nel regalo

Ho fatto qualche regalino da inserire nel packaging o come decorazione dei regali "principali": piccoli pensierini per una sorpresa nella sorpresa. Nei paesi anglosassoni si chiamano "stocking stuffers" cioè riempi-calza, da appendere al caminetto o sotto l'albero.
Un cuore di stoffa pieno di lavanda essiccata cucito da me, un gomitolo di lana che ho tinto in casa con le erbe, un cuoricino di cera di soia per profumare la casa.
Son cosine piccine ma che aggiungono amore su amore 💗
Il cuore di cera è di ESE candles che ringrazio 😃


domenica 18 dicembre 2016

Sul tavolo della botanica: il Tasso

Sul tavolo della botanica oggi c'è il tasso, una pianta molto velenosa usata per millenni per fabbricare archi e frecce. Il suo nome greco, toxon, significa proprio arco o freccia.
In Italia vi sono alberi di tasso vecchi di quasi mille anni, il più antico invece è in Scozia e ha tremila anni!
Ho accostato il mio rametto di tasso al taccuino dove annoto tutte queste scoperte botaniche, e agli orecchini nello stesso verde scuro e intenso delle sue foglie, che mi ricorda le profondità del bosco e i suoi misteriosi segreti.


giovedì 15 dicembre 2016

Progetti, idee e pensieri belli di oggi e domani: tutto nel taccuino

Un pacchettino con dentro tante possibilità.. regalare un taccuino significa spronare a progettare, raccogliere le idee e ricordare pensieri belli di ieri di oggi e di domani.
Questo quadernino con le ghiande è già partito ma ne trovi tanti altri con spiriti e colori diversi: divertiti a cercare quello che si abbina alla personalità di chi lo riceverà.


martedì 13 dicembre 2016

Giallo: il colore agrodolce della natura

Giallo è il colore agrodolce della natura. Quando vuole mettere a nanna le sue foglie le dipinge di giallo: cadranno, ma splendono e rinasceranno a primavera.
Gialla è l'ape che punge sì, ma è laboriosa, umile e indispensabile perchè fa nascere i fiori. Giallo limone, aspro e pizzicoso ma che dà sapore e canta l'estate.
Se anche tu sei un po' dolceamara, la tua fogliolina sceglila gialla  ðŸ‚


domenica 11 dicembre 2016

Botanica Urbana: l'erborista tra i muretti

I bordi delle strade, i muretti e i parchi pubblici offrono una gran varietà di erbe, piante e bacche. Cerco di studiarle per imparare a riconoscerle. Sai che molte hanno anche proprietà erboristiche? Chi l'avrebbe mai detto! 

Ne ho raffigurata qualcuna su questa cartolina per gli auguri: ha la busta abbinata pronta per scrivere pensieri belli e buoni per chi riceverà i tuoi regali.




Se vuoi iniziare a riconoscere alcune delle più diffuse piante cittadine ti consiglio il libriccino "Botanica urbana" di Fabrizio Zara, edito da Aboca. Io l'ho trovato in biblioteca, è molto carino e utile. Se lo leggi fammi sapere se ti è servito!

.

giovedì 8 dicembre 2016

Le collane con la foglia: piacciono a tutti!

Queste collane con la foglia vi sono piaciute tantissimo! Devo ancora finire di impacchettarle e poi potrò andare in catalessi sul divano a leggere il mio librino sulla fauna alpina 😊 ho inserito un nuovo cordoncino, adesso puoi sceglierlo anche bianco. Com'è, ci sta bene? un po' più minimal. In negozio trovi tutte le collane e non dimenticare che ci sono anche gli orecchini, le spille e i braccialetti, tutti con le foglie 🍃


mercoledì 30 novembre 2016

Il piacere di scrivere a mano

Anche nell'era digitale il piacere di scrivere a mano con l'inchiostro non me lo nego 😊
Quando studio gli appunti li prendo a mano, oltre ad essere infinitamente più pratico è un modo per ricordare meglio. Mi sembra quasi che se non ho scritto non ho veramente memorizzato..
A mano poi adoro fare liste (come il buon vecchio Umberto Eco.. che infatti adoro 😊): libri da leggere e libri che ho letto, serie tv da seguire, materiale da comprare per il laboratorio, amici cui fare un pensierino, progetti di lavoro e idee assurde per gli anni a venire..
Molti usano l'agenda dello smartphone ma io non la trovo pratica. Scrivere testi lunghi con il touchscreen è pallosissimo e manca il concetto di pagina vera e propria, da girare e scorrere, memorizzando in che punto avevo segnato la tal cosa.. non fraintendermi, io adoro gli smartphone! ma sarà che sono nata proprio in mezzo, affacciandomi al mondo quand'era analogico ma vivendo in tempo reale lo sviluppo del web.. sta di fatto che per alcune cose sono legata alla carta, e per altre accolgo con entusiasmo il digitale. Mi piace così!
Tu come fai, scrivi ancora qualcosa a mano? che cosa?




ps. il mini taccuino retrò botanico è pronto da regalare a una persona amata che usa ancora la penna

lunedì 28 novembre 2016

Circondarsi di natura: la tintura dei filati con le piante

Ogni tanto mi diverto a tingere tessuti e filati con le piante: questo gomitolo è di un bel marrone dorato grazie alla tuia, quella pianta che vedi lì accanto e che certamente hai notato da qualche parte in città. Mi piace circondarmi di natura a tutti i livelli 😊 e sfoggio il mio amore con simboli e segni: ad esempio il ciondolo foglia qui in verde, ma disponibile in tanti colori, anche personalizzati.


mercoledì 23 novembre 2016

Packaging con le foglie

Ho raccolto queste enormi foglie di kaki dai colori tutti diversi: sono l'ideale per decorare i pacchetti di Natale! Incarterò così i prossimi quaderni.. carta kraft, spago e maxi foglia. Ne vuoi uno? Al link nel profilo trovi questo marrone chiaro coi decori del bosco e le pagine gialline 😊


lunedì 21 novembre 2016

Vecchi nastri e passamanerie: che ci faccio?

Ho un paio di scatole piene di vecchi nastri e passamanerie, accumulati in anni di cucito di mamma, zie e parenti di ogni ordine e grado 😀 Ogni volta mi riprometto di tirarli fuori tutti e pensare a come usarli, ma poi non ne ho mai il tempo e va finire che li guardo e basta 😊 sono sicura però che hai qualche suggerimento da darmi: tu che cosa ci faresti?


domenica 20 novembre 2016

Momijigari: andiamo insieme a guardare le foglie?

Una nuova foglia è arrivata ad accompagnare le sue sorelle: l'acero. Sapevi che in Giappone i boschi di acero in autunno sono visitati da moltissimi appassionati per vederne gli splendidi colori? Questa attività si chiama momijigari. Non è meraviglioso fare una gita per veder le foglie cambiare colore? 🍁 Ne ho preparata una da portare sempre indosso: la collana foglia d'acero .


sabato 19 novembre 2016

Gli ornamenti: bandiere di noi stessi

Mi piace sfoggiare come un distintivo i simboli di quello che mi piace: ciondoli coi libri, gioielli tribali, scarpe ecologiche e vestiti vintage. In fondo l'abbigliamento e gli ornamenti sono come bandiere di noi stessi. C'è chi ama portarle alte e sventolanti, chi invece preferisce la discrezione e un messaggio sottile. 

Io sono piuttosto sgargiante, ma ho voluto provare ad accontentare anche le donne che apprezzano toni più delicati: la linea con le foglie nasce per loro, anche se mi sono accorta che piace proprio a tutti, anche agli ometti 😊 ad esempio le spille, in tante tonalità naturali e in due misure. 

Tu cosa vuoi raccontare con il tuo look? ami essere appariscente o preferisci un solo, semplice dettaglio? spiegami un po'!




martedì 15 novembre 2016

Il simbolo stesso dell'autunno: la foglia di quercia

Quando si abbatte una quercia, la sua caduta echeggia in tutta la foresta, ma cento ghiande possono essere seminate in silenzio da un venticello che nessuno nota. [T. Carlyle]

Il simbolo stesso dell'autunno: la foglia di quercia. Se anche tu ami questa stagione riflessiva e semplice, indossala! La spilla quercia sta bene a tutte le età e con tanti stili: semplice o bizzarro, moderno o vintage, sportivo o folk..


domenica 13 novembre 2016

Neve fuori, fuoco dentro

I primi freddolini mi fanno venire tanta nostalgia della montagna.. le genziane d'estate, un bicchiere di vin brulè d'inverno, i pini e le rocce sempre.. mi circondo allora di piccoli segni, per ricreare un po' dell'ambiente neve fuori - fuoco dentro :) in questo clima coccoloso inizio ad annotare qualche idea e destinatario sulla lista dei regali di Natale. Tu hai già cominciato? Intanto se hai qualche spirito selvatico nella tua lista, potresti scegliere per l*i un taccuino fogliolino d'avventure..


venerdì 11 novembre 2016

Botanica vintage: taccuini

Ci stavo lavorando in questi giorni ed eccoli pronti: due nuovi taccuini, di ispirazione botanica, per annotare date e appunti di giardinaggio, raccogliere fiori secchi e foglie pressate, o semplicemente scriverci qualunque cosa 😊📓🌱 è un regalo pensato e amorevole per chi ama le piante e la botanica. Puoi acquistare il quaderno turchese subito, quello grigio sarà presto in negozio.


martedì 8 novembre 2016

Flora e fauna delle Alpi.. un libro che mi ispira oggi come ieri

"Flora e fauna delle alpi" è un libro che mi è stato regalato dal mio babbo da bambina, e lo tengo caro come pochi altri.. quando andavamo in montagna, sulle Orobie, me lo portavo appresso e ogni dieci passi mi fermavo a cercare i fiori e i minerali che vedevo sul mio libriccino.. un ricordo che mi commuove ancora.
Tu ricordi ancora quali libri amavi di più quand'eri piccola? Li hai conservati?



I cartellini e gli adesivi per pacchetti rustici e retrò sono ispirati alle illustrazioni botaniche

lunedì 7 novembre 2016

Foglie, colori, autunno e pensieri

Ho gli occhi pieni di colori e di forme, che ultimamente mi girano a mulinello in testa, non posso smettere di pensarci! 

Foglie grandi, giallo, arancione, foglie piccole, verde chiaro e scuro, foglie coi lobi e foglie lisce, beige e marrone, foglie di quercia e di nocciolo, color rame e bronzo e oro.. ho dovuto concretamente tirarle fuori, farle, dar loro forma e sostanza. 

Eccole: semplici, sole protagoniste, un canto gioioso all'autunno e alla bellezza nelle piccole cose. Sono nuovissime, su collane, braccialetti e altri piccoli ornamenti rustici: trova la tua e dimmi quale sfumatura di colore parla proprio a te..

.

martedì 1 novembre 2016

Qualche volta è bene cambiare, ovvero.. Saldi di Natale!

Qualche volta è bene cambiare, meglio ancora evolvere. In particolare nella creatività è vitale intraprendere nuove strade per restare sempre vivaci e stimolati. Anche io sto conoscendo e imparando nuove cose, e mi trovo con un po' di malinconia a dover salutare quelle già esplorate.. non si può far tutto!
C'è qualche progetto che non seguirò più, anche se mi dispiace, di cui mi rimangono ancora uno-due pezzi che sono gli ultimi e che non riprodurrò ancora. Siccome mancano 58 giorni a Natale e so che molti stanno iniziando a depennare qualche riga dalla lista dei regali, ho deciso di offrire in saldo molti di questi lavori. Alcuni li terrò per me, parecchi invece puoi sceglierli tu per le persone che ami, approfittando dello SCONTO che non fa mai male 😜
Li trovi nella sezione saldi , fai presto perchè sotto le feste le Poste si intasano !



venerdì 28 ottobre 2016

A Natale coccola un secchione

Quando lavoravo in biblioteca ho accumulato decine e decine di libri di scuola dei primi del Novecento, soprattutto eserciziari e versioni condensate dei classici greci e latini. Questi volumetti sono in pessime condizioni, tutti squinternati e rotti: sembra strano, ma si conservano molto meglio i libri di seicento anni fa che quelli recenti; la pergamena è molto più resistente, e anche quando i libri si inizia a stamparli, la loro carta fatta a mano è infinitamente migliore della specie di velina sottile dei secoli successivi. 
Perciò tutti quei librini, quaranta o cinquanta copie uguali dell'Iliade a dispense, andavano eliminati per far spazio ad altri. 
Ma ti pare che io lascio andare dei libretti vecchi e ingialliti in discarica?? 
Ne ho raccolti un paio per tipo e li ho portati a casa aspettando un'idea per farci qualcosa. Ieri l'idea è arrivata: li ho ritagliati e incollati sui cartellini di cartoncino marrone, creando delle tag per pacchetti regalo da veri secchioni. A Natale, coccola un secchione anche tu! 😀 I cartellini saranno in negozio presto, per il momento puoi scegliere il quaderno da regalare al tuo secchione in negozio :) 


lunedì 24 ottobre 2016

La saggezza della Lepre Marzolina e del Cappellaio Matto

«Allora dovresti dire quello a cui credi», riprese la Lepre Marzolina.
«Ãˆ quello che faccio», rispose subito Alice; «almeno credo a quello che dico, che poi è la stessa cosa.»
«Non è affatto la stessa cosa!» disse il Cappellaio. «Scusa, è come se tu dicessi che vedo quello che mangio è la stessa cosa di mangio quello che vedo!» (Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie).

Dire quel che si crede, e credere a quel che si dice: cerco di farlo sempre.
Qui lo racconto con dei simboli: il libro vecchio e consumato, perchè credo nel sapere e nella storia; la fiaba, perchè credo nell'immaginazione e nel restare bambini; il rametto con le bacche, perchè credo nella bellezza delle piccole cose e della natura; la collana di foglie, perchè questo amore per la natura lo grido forte e lo mostro a tutti indossandolo; il borsello di ecopelle, perchè la natura non la rispetto solo a parole ma nelle scelte quotidiane; la teiera di terracotta, perchè per esserle più vicina e coerente sto cercando materiali più ecologici per esprimermi, anche se ancora non sono molto brava, ma dagli errori si impara (e questa è un'altra cosa in cui credo 😊 )
C'è una citazione, un dialogo di un film, un aforisma che parla proprio di te?




martedì 18 ottobre 2016

Truccarsi con la fuliggine..? Fatto! Boho tribal dalla testa ai piedi

Adoro lo stile boho - tribale! Nell'abbigliamento, nei gioielli naturalmente, negli arredi e anche nel trucco: quella bottiglietta dorata è kohl pakistano, un antichissimo cosmetico usato sin dall'antico Egitto fatto con fuliggine e altri ingredienti vegetali. È favoloso!
Gli orecchini invece sono fatti da me con il rame e l'argilla polimerica, in stile boho tribal.


giovedì 13 ottobre 2016

Di gomma, di legno, di pietra: timbri.

Alcuni dei timbri che uso per i quaderni e per l'argilla.

Sono incisi nella gomma con degli attrezzi appositi, poi incollati ai manici in legno o su sassolini bianchi.
Qualcuno invece, come quello tondo che vedi qui, rimane senza manico perché lo uso più che altro per l'argilla, passandolo nella macchina per le sfoglie insieme al pezzo in polymer clay. Una specie di lasagna praticamente 😀


domenica 9 ottobre 2016

Cimeli di famiglia

Questo orologio da taschino me l'ha regalato una zia, che non si ricorda più se sia appartenuto al nonno o a qualche altro parente 😆 mentre la catenella fatta di rametti d'argento è sua di quand'era ragazza. Quanto mi piacciono i vecchi cimeli!
L'atmosfera un po' polverosa e ingiallita, gli accessori rigorosamente meccanici, e naturalmente le storie che sono dietro agli oggetti.. 💛
siccome vado matta per queste cose, ci ho fatto un altro set a tema: questa volta con taccuino, tag, adesivi retrò.
Vai a vedere cosa contiene il kit e raccontami dei tuoi cimeli di famiglia! :)


ENG
My aunt gave me this pocket watch, but she doesn't remember if it belonged to granpa or some other relative 😆 the thin chain made of silver twigs, instead, was hers, when she was a girl. How much I love old heirlooms! 

The dusty and yellowed atmosphere, mechanical accessories, and obviously the stories inside the objcets.. 💛 

so because I'm obsessed with these things, I made another set in theme: this time there's a retro journal, some vintage style tags and stickers. Go and see what it contains and tell me about your family heirlooms!

mercoledì 5 ottobre 2016

Quando il bidello riempiva le boccette dell'inchiostro: ricordi di scuola vintage.

Questo è un libro di scuola del mio papà, per la quarta elementare del 1942.

Lui scriveva con il pennino e l'inchiostro: la boccetta era fissata nel banco e il bidello la riempiva ogni mattina. Poi c'era un tampone di feltro per asciugare le macchie. I pennini si cambiavano e ce n'erano di tantissime forme, anche a foglia e a manina 😊

Ho conservato tutti questi ricordi del mio babbino 💛 e i quaderni che sto creando sono ispirati proprio a quelli di una volta, che usavano i nostri genitori e nonni.






ENGLISH

This is a school book who belonged to my father: primary school in 1942.
He used to write with nib and ink: the bottle was in the desk and the janitor filled it every morning. There also was a felt pad to absorb ink stains. There were many nib shapes, even leaf or tiny hand 😊
I've kept all these memories of my daddy 💛 and the journals I'm making these days are inspired right to those of past times.


martedì 4 ottobre 2016

Il packaging di un regalo è esso stesso un regalo?

Il packaging di un regalo è esso stesso un regalo?
Parafrasando l'aforisma di Lessing "L'attesa del piacere è essa stessa il piacere" dico.. certo che sì!
Se è fatto con tanta cura, è bello da vedere, è creato con materiali di qualità e un design originale, il packaging di un dono è parte integrante dell'oggetto che stai regalando. Non vorrai far sfigurare quello che hai cercato con tanto impegno per una persona che ami incartandolo in un packaging non all'altezza?!

Per valorizzare e vestire a festa i tuoi pacchetti, ho preparato il kit per il packaging rustico, tutto fatto a mano.
C'è la carta da pacco timbrata con timbri fatti da me, le tag con i rami, gli adesivi autunnali e i coriandoli in una bottiglina di vetro.. da spargere nei pacchetti per una sorpresa colorata :) aprire un regalo deve essere un po' magico, no?
Vai a vedere tutto quello che contiene il kit qui: https://goo.gl/Ooy1SF


domenica 2 ottobre 2016

Autunno: colori e progetti

Ok è autunno: il clima non è eccezionale, è vero, e le vacanze sono già in archivio.. ma a me piace anche questa stagione.
Per due ragioni: i colori e i progetti.
Le tinte autunnali, i marroni, i gialli, il verde che cambia tonalità sono quelle che indosso più volentieri e che più rappresentano la terra e la natura. E' anche un tempo di nuove idee, di riaperture ed inizi.
Sto combinando entrambe quelle belle cose - atmosfere naturali e novità - in un progetto così.. autunnale !
Si tratta di quaderni interamente fatti a mano: ho tagliato la carta, cucito le pagine, timbrato le copertine con timbri disegnati e incisi da me. I nostri pensieri sono troppo preziosi per scriverli su un taccuino qualunque!



Nei prossimi giorni ti dirò qualcosa di più su questa novità, e metterò online altri modelli. Benvenuto ottobre, sei tanto bello!
Allora corri a vedere i taccuini ottobrini e dimmi se anche a te l'autunno fa venire voglia di inventare! ðŸ‚🍁

martedì 5 aprile 2016

L'essenza dell'artigianato: le mani della mamma - The essence of craft: my mother's hands

Le mani della mamma                                                                                                  Scroll for english

Queste sono le mani della mia mamma: cuciono da sessant'anni con abilità e passione.
Mani che si stancano e si rovinano, ma che sanno creare cose belle; una volta forti, ora fragili; che non si fermano mai, per lavorare ma anche per dare carezze e amore.
Se devo scegliere un'immagine dell'artigianato, essa è questa: il tempo, la fatica, l'esperienza, l'ingegno, la bellezza e l'amore.



These are my mother's hands: they've been sewing for sixty years with skill and passion, and still do.
Hands that get tired and rough, but that can create beautiful things; once strong, now fragile; they never stop working, but also give hugs and love.
If I have to choose an image of craft, that's it: time, effort, experience, ingenuity, beauty and love.

lunedì 28 marzo 2016

Vasetti primaverili: argilla polimerica con texture e patina - Spring planters in polymer clay with texture and whitewashed effect

Vasetti primaverili: argilla polimerica con texture e patina                         Scroll down for English

Un breve video della lavorazione "whitewashed" sull'argilla polimerica: una patina bianca che dà un effetto gesso rustico molto carino sull'argilla polimerica.
Va eseguito su una texture, cioè segni, incisioni, incavi in modo da farli risaltare e creare un motivo decorativo.



video


Ho realizzato i vasetti in argilla polimerica con colori pastello, uno dipinto e due con texture.
Le texture possono essere realizzate con timbri, fogli di gomma appositi (qui trovi quelli realizzati da me) ma anche con strumenti comunissimi, come stuzzicadenti, viti, tappi di pennarelli, cannucce.. qualsiasi cosa trovi in casa che abbia una bella trama da imprimere sulla pasta.

Una volta texturizzata la superficie e cotto il pezzo, l'applicazione del whitewashed è molto semplice: qui uso colore a olio, perchè è più coprente e dà una finitura liscia all'oggetto; puoi usare anche la tempera, ma risulterà un po' più tenue e dovrai fare più passaggi.

Stendi il colore su tutta la superficie dell'oggetto con le dita facendolo ben penetrare nei solchi della texture. Subito dopo rimuovi l'eccesso con carta da cucina in modo che le parti non texturizzate rimangano pulite e il disegno resti in evidenza.

Lascia asciugare molto bene (se usi il colore ad olio almeno una giornata, con la tempera anche un'ora basta) poi vernicia con apposita vernice per paste polimeriche non lucida.

Se vuoi vedere i vasetti finiti clicca qui 



    English version                 Spring planters in polymer clay with texture and whitewashed effect

A short video on whitewashed technique on polymer clay: a white patina giving a rustic chalck effect. It's used on textured clay, with scratches, engravings, grooves to make them outstand and creating a decorative pattern.

I made the planters in polymer clay pastel colors, one is painted and two with textures.
You can create textures with stamps, texture sheets (you can find mine here) but also with simple tools: toothpicks, screws, pen caps, straws.. anything you can find at home with a nice pattern to impress on the clay.

Once textured the surface and cured the piece, the whitewashed technique is really easy to use: here I use oil paint, because is more intense and also gives a beautiful smooth finish on the surface; you can use also poster paint, but it's a bit more tenuos and you'll have to make more layers.

Spread the paint on the surface with your fingers making it penetrate in the engravings of the texture. Then immediately wipe away the exceeding colour with a paper to leave the non textured parts clean and the pattern in evidence.

Let dry very well (if you use oil paint wait one day, with poster paint one hour is enough) then coat with non glossy varnish specific for polyme clay.

To see the finished planters click here